Cantina

oltretorrente_cantine

Cantina

Il nostro lavoro in cantina è quello di accompagnare rispettosamente il processo che porta le nostre preziose uve a diventare un vino che sia il più possibile specchio del territorio, della vigna e dell’annata da cui proviene.

La complessità derivante dalle vigne vecchie e soprattutto dalle molte varietà in esse presenti non è incanalata verso espressioni più semplici e le macerazioni delle uve rosse sono molto lunghe, senza tuttavia fare perdere la spontaneità ai vini. L’affinamento è sempre sulle fecce, per migliorare la complessità e la stabilità dei vini in modo naturale. L’acidità naturalmente presente nelle principali varietà con cui lavoriamo non è mascherata, le fermentazioni malolattiche nei bianchi non sono bloccate ma neanche favorite e non avvengono quasi mai. Mineralità e freschezza sono preservate gelosamente lavorando solo uva bianca intera non diraspata. Ci piace l’impronta che le vasche di cemento danno ai nostri vini. Le fermentazioni sono quasi sempre spontanee e l’unica aggiunta è quella di solforosa, in quantità tali da non superare mai i 55 mg/l di anidride solforosa totale nei rossi e i 65 mg/l nei bianchi.